14.10
BOXE: VI RACCONTO IL TREND DEL MOMENTO


BOXE: VI RACCONTO IL TREND DEL MOMENTO

Sayonara Motta

Boxing Cross training Workout: un nuovo programma di allenamento che vi permetterà di allenarvi in un modo autentico.



Oggi vi racconterò nel nuovo trend del momento: i Boxing Cross training Workout. Sapete bene che Il cross training,come attività di base incrocia discipline diverse e diverse tecniche di allenamento; e così quando si parla di Boxing Cross Training vuol dire fusione di movimenti e tecniche che arrivano dal pugilato, dalla Kick Boxing, senza ovviamente tralasciare un approccio di allenamento funzionale. Si tratta di un nuovo programma di allenamento che vi permetterà di allenarvi in un modo autentico.Questo tipo di lavoro è una delle grande grandi tendenze del fitness di oggi, che sta spopolando con la creazione di nuove “Boxing Gyms” in tutto il mondo . 

La boxe è entrata nel fitness più di trent’anni fa. Erano gli anni ’80, e si parlava di Aeroboxercize  e  di Cardio box. Tutti gli elementi del pugilato (diretto, gancio, montante) venivano uniti alla musica. Possiamo definirle “piccole coreografie”:  non c’era raffinatezza della nella tecnica, l’obiettivo era divertirsi mimando un’attività atletica.

Dopo qualche anno (era il 1991) Michael Olajide, Jr. ex boxeur professionista, nonchè campione nella categoria pesi medi,  una volta conclusa la sua carriera di pugile si è buttato a capofitto nella aereobox. Oltre al sound, alle sequenze, alla corda, lui nelle sue coreografie portava i suoi allievi a compiere gesti atletici perfetti. Insegnava ai suoi studenti sia la tecnica che la sincronizzazione.

Nel 2000, arti marziali come la Thai Box, il Muay Thai e Kick Boxing hanno contaminato il mondo della aereo box,  portando l’inserimento delle gambe e di tutte le tecniche correlatieagli arti inferiori nelle sequenze aerobiche. 

C’è stato poi il boom della fit box , ovvero di un programma di fitness molto divertente e subito amato dalle persone, che prevedeva l’inserimento di un pungiibol, molto più piccolo e leggero di quello reale, posizionato su un sostegno. Perfetto per essere usato in una sala corsi.

E poi torniamo ai giorni d’oggi e se la domanda che mi fate è rivolta a sapere che direzione sta prendendo la boxe al giorno d’oggi,la  risposta è semplice…. la più semplice di tutte.

C’è una grande voglia di tornare alle origini. Utilizzando il corpo libero, i guanti, le fasce, lavorando a coppie, con il sacco per avvicinarsi alla sua vera essenza. Il fitness  ha un dichiarato bisogno di ritrovare la sua autenticità. C’è un gran desiderio di tornare all’insegnamento  del movimento così come è: progressivo e  graduale, con lo scopo di portare la persona  a vivere un qualcosa di reale. Oggi si parla di Cross Training Workout , ossia una fusione di allenamenti dove l’inclusione del pugilato è in prima linea

I suoi punti di forza?

#Qualità dei movimenti, ossia una maggior Tecnica

#Qualità degli allenamenti, che porta le persone ad allenarsi in modo più funzionale

#Coaching: ovvero essere seguiti da un trainer che abbia una profonda conoscenza della disciplina

#Fare diventare l’allenamento qualcosa di autentico, un vero e proprio stile di vita. 

Chi fa boxe oggi è una persona che cerca attraverso quel gesto di “buttare fuori” la  tensione per diminuire lo stress quotidiano, come uno yogie che attraverso la pratica dell’yoga ritrova il suo equilibrio. Un’attività autentica (cosa che sempre più spesso mi ritrovo a dire ai miei allievi)  è qualcosa che diventa parte integrante della tua vita, senza fini voyeuristici o agonistici.

Abbiamo bisogno di tornare alle origini per rispettare noi stessi. Purtroppo ad oggi siamo condizionati da bombardamenti mediatici, dalle informazioni, dalle spinte continue che arrivano da tutte le direzioni che cercano di farci raggiungere degli obiettivi in brevi tempi. Immagini aspirazionali ci distraggono dalla verità . Non è la perfezione fisica e la performance. Non sono i like né lo scatto perfetto.  Nello Yoga ad esempio vedo sempre più spesso scorrere davanti ai miei occhi immagini esageratamente performanti.  Tornare alle radici significa accettarsi per quello che siamo, accettare i propri limiti, anche se la mia gamba è più bassa, perchè io sto arrivando ad un percorso di autocoscienza. Tornare indietro rispettando i propri limiti e facendo le attività così come sono,  senza deturpare programmi e metodi che ci illudono e basta. Tornare alle radici è soprattutto cercare attività autentiche e permettere al nostro corpo di performare per quello che riesce a fare. 

Per quanto riguarda la boxe, posso dirvi che è uno sport grandioso perché esprime un modo di essere ed aiuta a tirare furoi le proprie sensazioni, tutto d’un fiato, di getto e senza troppi filtri. Nella boxe se sbagli le conseguenze dei tuoi errore sono immediate. Allo stesso modo, se fai qualcosa di buono, la cosa serve da incoraggiamento per fare ancora meglio. (questo lo diceva proprio il grande Olajide) 

La boxe ti insegna ad utilizzare e a fidarti del tuo istinto e, allo stesso tempo, a bilanciarlo con la razionalità. E questo è qualcosa di grandioso per noi tutti.

Consiglio tecnico: assieme a Nike vi parleò della nuova scarpa studiata appositamente per la boxe, la Nike Air Zoom Strong 2. Questa scarpa ha innanzitutto una protezione per la caviglia, che non deve essere vulnerabile. Il piede deve avere un sostegno per fare in modo che la persona quando appoggia il tallone lo protegga. L’impatto viene ammortizzato grazie al sistema di “Cushioning” sul tallone.

Le sue parole chiave: stabilità ed ammortizzazione (non esistevano nei i primi modelli pensati per la boxe che erano praticamente con una suola piatta)  Nike air Zoom Training 2 è una scarpa perfetta anche per il fitness classico, la sala pesi, e per compiere tutti quei movimenti di agilità e spostamenti. 360º di stabilità. 360º di ammortizzazione e 360º di durabilità. Tutto in un’unica scarpa che vi darà un perfetto supporto senza  perdere comfort e stille.

 

info corsi MILANO - ATLETICABOXE

photo credits to @xskillyx.

VAI AL LINK